Contemporanei, Mistero

Marina

Carlos Ruiz Zafón  è uno scrittore spagnolo. Autore di successo mondiale, vive dal 1993 a Los Angeles, dov’è impegnato nell’attività di sceneggiatore. Tradotte in oltre quaranta lingue, le sue opere hanno conquistato milioni di lettori e numerosi premi nei cinque continenti.

Trama

“Barcellona, fine anni Settanta. Óscar Drai è un giovane studente che trascorre gli anni della sua adolescenza in un cupo collegio della città catalana. Colmo di quella dolorosa energia così tipica dell’età, fatta in parti uguali di sogno e insofferenza, Óscar ama allontanarsi non visto dalle soffocanti mura del convitto, per perdersi nel dedalo di vie, ville e palazzi di quartieri che trasudano a ogni angolo storia e mistero. In occasione di una di queste fughe il giovane si lascia rapire da una musica che lo porta fino alle finestre di una casa. All’interno, un antico grammofono suona un’ammaliante canzone per voce e pianoforte. Nel momento in cui sottrae l’oggetto e scappa, è sopraffatto da un gesto che risulta inspiegabile a lui per primo. Qualche giorno dopo tutto gli apparirà tanto chiaro quanto splendidamente misterioso. Tornando sui suoi passi per restituire il maltolto, infatti, Óscar incontra la giovane Marina e il suo enigmatico padre, il pittore Germàn. E niente per lui sarà più come prima. Il suo innato amore per il mistero si intreccerà da quel momento ai segreti inconfessabili del passato di una famiglia e di una Barcellona sempre più amata: segreti che lo spingeranno non solo alla più lunga fuga mai tentata dal detestato collegio, ma anche verso l’irrevocabile fine della sua adolescenza.”

Recensione

Parto dicendo che mi piace davvero molto il modo di scrivere di Zafon. E’ semplice e scorrevole e nonostante non sia mai stata in Spagna riesco a vedermici insieme ai personaggi. La trama non è così semplice come sembra all’inizio. Oscar incontra Marina, si vogliono bene fin da subito, è evidente, ma come in ogni libro di Zafon che si rispetti, c’è l’ombra del mistero che li segue.

Sapete che a me i finali tristi non piacciono, così come i libri troppo lunghi e le recensioni che ti svelano i finali. Infatti cerco sempre di lasciarvi sulle spine. Quindi dirò, anzì scriverò, solo una parola: raccapricciante. In tutti i sensi. Questa è la parola che continuavo a ripetere a me stessa mentre leggevo il libro.

9604156

Nonostante non sia uno dei migliori libri che io abbia letto (migliori è un eufemismo, per conto mio magari era meglio se non lo pubblicavano proprio), l’ho letto tutto d’un fiato.

Quindi lo consiglio o no? L’autore si vende più del libro stesso? Bah sta a voi decidere se leggerlo ma io personalmente mi sono pentita di averlo comprato. La mia colpa è stata probabilmente non essermi informata prima di prenderlo, ma aver letto il nome dell’autore e averlo messo nel carrello senza pensarci due volte. A voi l’ultima parola.

Stampa  Sono affiliata di Amazon! Se volete comprare questo libro passate attraverso questo link e riceverò una piccola percentuale sul vostro acquisto che mi aiuterà nell’acquisto dei libri per mandare avanti il mio blog! Grazie! http://amzn.to/2hZ3roZ

Annunci

5 thoughts on “Marina”

Lascia un commento^^

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...